Inbound Marketing Strategy

3 consigli per massimizzare l’efficacia del tuo business online

Giusto qualche sera fa stavo riflettendo tra me e me su quello che è il mio piccolo business, sui servizi che offro, sugli articoli che scrivo, su ciò che faccio quotidianamente. Ogni volta che ci penso vado un po’ nel pallone, perché sono tante le cose che posso fare e tante le persone che posso conoscere; ma quando si parla di marketing online e soprattutto di professionalità, bisogna ovviamente avere un costante afflusso di clienti, bisogna sapere a chi stiamo parlando e quali specifici servizi stiamo offrendo.

Per chi si occupa di marketing come me non è così facile capire davvero a chi stiamo parlando.

Eppure è il punto di partenza per una strategia efficace.

Punto di Partenza della strategia

In effetti se torno un po’ indietro nel tempo e ripenso a quando ho iniziato a specializzare il mio blog sul corretto utilizzo di LinkedIn, ho iniziato ad avere sempre più condivisioni e traffico, sempre più iscrizioni alla newsletter e sempre più riscontri positivi.

Se fossi rimasta con un blog di marketing generalista, sicuramente questo non sarebbe successo.

La cosa strana e pazzesca è che il blog cambia con il blogger, segue i suoi pensieri, si adatta alla sua crescita professionale. D’altronde non potrebbe essere altrimenti dato che si tratta di un sito dinamico, e non statico, composto da quattro paginette inutili di presentazione del mio lavoro.

Da qualche tempo l’interesse si sta spostando verso la strategia di web marketing più efficace che esista al giorno d’oggi: l’Inbound Marketing.

Se mi conosci da un po’ sai quanto ci tenga e abbia sempre tenuto al mio sito, ai miei contenuti e al mio pubblico, per cui sai anche che LinkedIn è il social network che mi ha dato più soddisfazioni in assoluto dal punto di vista lavorativo.

Però i social da soli non fanno la differenza. Pubblicare qualcosa ogni tanto sui nostri canali, non fa la differenza.

Ciò che rende le nostre attività online efficaci è la nostra capacità di creare e pubblicare i giusti contenuti nel momento migliore.

Il successo online è dato dalla somma di tre cose:

Il successo dell'inbound marketing

Per questo motivo voglio elencarti alcuni consigli pratici che puoi sfruttare per il tuo business online, in modo tale da massimizzare l’efficacia delle tue attività:

numero1

Sai a chi stai Parlando?

Molte volte capita di fare, creare, pubblicare e condividere contenuti casuali senza pensare a chi stiamo cercando di indirizzarli. La prima cosa che ti spiegano quando parlano di Inbound Marketing è quel famoso Buyer Persona, ossia la rappresentazione specifica del tuo cliente ideale.

Come puoi comunicare le cose giuste se non sai a chi le stai comunicando?Buyer Persona: a chi stai parlando?

Il problema è che non è così semplice, perché non basta dire “io mi rivolgo agli architetti, agli ingegneri o agli insegnanti”, bisogna invece essere molto più specifici, comprendere chiaramente il background culturale e lavorativo del nostro cliente tipo, capire quali sono le difficoltà e le sfide che affronta ogni giorno, capire come noi professionisti possiamo aiutarlo a risolvere i suoi problemi.

Parti dai tuoi clienti, cerca di guardarti intorno e capire con chi hai a che fare, fai domande, ricerche di mercato, e definisci chiaramente con chi vuoi avere a che fare.

numero2 Crea il contenuto giusto per il tuo Buyer Persona

Una volta capito chi è il tuo interlocutore, devi riuscire a creare il contenuto più adatto rispetto alle sue abitudini e ai suoi modi di porsi rispetto al web. Per alcune categorie di persone leggere articoli lunghi e articolati è solo una perdita di tempo, magari perché sono persone più immediate e schematiche, per cui richiedono un’infografica o un piccolo video.Contenuto giusto per la persona giusta

L’ebook di turno o il podcast sono ulteriori strumenti utili, se usati con attenzione. Per esempio, nel settore della crescita personale, sentire la voce di una persona nelle orecchie che ci invita a rilassarci ha sicuramente molto più effetto di una frase scritta; di conseguenza si potrebbe optare per un podcast gratuito in cambio dell’iscrizione alla newsletter.

La tipologia di contenuto che scegli può essere qualsiasi, devi solo capire quale secondo te e secondo il buyer persona che hai identificato è migliore delle altre.

numero3 Pubblica al momento opportuno

Il modo migliore per capire quando pubblicare qualcosa è testare il nostro pubblico.

Quando è meglio pubblicare su Facebook? Quando è meglio pubblicare l’articolo sul Blog? E su LinkedIn, quando è meglio pubblicare in Pulse?

Per approfondire leggi: l’importanza del tempo, anche e soprattutto nel mondo dei social

Nessuno ha risposte certe, l’unica cosa certa è il tempo che ci dedichi. Per esempio: ho provato a pubblicare post sul mio blog in diversi giorni della settimana. Mi accorgevo infatti che se pubblicavo ad inizio settimana avevo buoni riscontri, a metà settimana ottimi, a fine settimana pessimi.

Da quel momento mi sono ripromessa di pubblicarli sempre verso Martedì – Mercoledì, in modo tale da rispettare le preferenze del mio pubblico.

Lo stesso vale per i social: gli Analytics e gli Insights ci mostrano chiaramente quali sono i giorni migliori, gli orari più indicati della giornata, la tipologia di post più apprezzata.

Sfruttiamo i dati e cerchiamo di migliorare costantemente, perché come sai la bacchetta magica non esiste.

Ti mostro gli Insights della mia pagina su Facebook:

Insights pagina facebook

Come ti dicevo poco sopra, i giorni più indicati (anche se di poco, almeno per la pagina di Facebook), sono il martedì e il mercoledì.

Questo giochino lo puoi fare con tutti i canali social che hai attivi, e soprattutto con il tuo sito web, per capire non soltanto quali argomenti vanno per la maggiore, ma anche quando vengono maggiormente letti e consumati.

L’Inbound Marketing si basa sulla strategia, cerca e valuta il modo più efficace per cercare di rendere appetibile e adorabile il nostro marketing al cliente ideale.Lista Inbound Marketing da seguire

Per questo tieni sempre a mente i tre consigli che ti ho lasciato qui sopra, perché è proprio da essi che devi partire per massimizzare le attività del tuo business online!

Prima di andartene ricordati di condividere l’articolo e di iscriverti alla Newsletter del mio blog. In omaggio per te un ebook con i consigli per far decollare il tuo business online.

Google+ Comments

4 commenti
  1. Claudia
    Claudia dice:

    Personalmente mi sto avvicinando da poco all’inbound marketing e non ho ancora “dati alla mano” per me soddisfacenti per capire fino a che punto funziona. Tuttavia, a livello logico lo ritengo davvero molto importante per ottenere una buona acquisizione clienti. Spero di poter dare un contributo migliore in futuro dettato dall’esperienza!

    Un saluto

    Claudia

    Rispondi
    • Martina De Nardi
      Martina De Nardi dice:

      L’esperienza è la miglior arma che abbiamo a disposizione secondo me 🙂
      In effetti è proprio così, a livello teorico sono tutte informazioni validissime, bisogna metterle in pratica e dare un giudizio obiettivo in base ai risultati.

      Ti dirò che mettendo in pratica molti consigli Inbound per alcuni miei clienti, ho ottenuto davvero ottimi riscontri finora! 🙂

      Grazie per il commento Claudia, alla prossima 🙂

      Rispondi
  2. Rod
    Rod dice:

    Articolo assolutamente condivisibile. Se non si parte dal target e si cerca di specializzarsi non si va da nessuna parte.

    Mi permetto, Martina, però, la mia opinione a proposito del “quando pubblicare”.

    Beh anche qui dipende dal target.

    Dalle tue statistiche è risultato che sono il martedì e giovedì, ma per un altro target potrebbero essere giorni pessimi.

    Ad esempio, il mio target è composto sostanzialmente da scrittori. Gli orari sono, ovviamente, molto diversi magari da un imprenditore che torna a casa alle 9 di sera. E, in quel caso, magari i migliori risultati si potrebbero avere dopo cena e durante il weekend (è solo un esempio, naturalmente).

    Cosa ne pensi?

    Rispondi
    • Martina De Nardi
      Martina De Nardi dice:

      Ciao Rod,
      ti ringrazio per il commento!
      Ovviamente il mio è stato solamente un esempio 🙂 Dipende sempre dal target e dagli insights dei profili social. Ho portato il mio esempio per far capire quanto è fondamentale controllare gli analytics per capire qual è il momento migliore per pubblicare qualcosa. Però ovviamente nel tuo caso il target è diverso, le abitudini sono diverse e dunque anche gli orari saranno diversi 🙂

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *