video marketing

Come il video marketing conquisterà il mondo, prospettive di crescita

Credo che non sia solo una mia impressione lo sviluppo esorbitante che sta avendo il video marketing. Apri Facebook e trovi video in diretta/registrati di coloro che segui maggiormente, Snapchat sta prendendo il sopravvento con i suoi video in tempo reale (guarda il grafico di Google Trend qui sotto per capire di cosa parlo), YouTube non ha mai smesso di espandersi, e da qualche tempo anche su Instagram i video sono sulla bocca di tutti.

snapchat su google trend

Qualche mattina fa mentre facevo colazione mi sono imbattuta (come ogni giorno) in uno dei video di Marco Montemagno dal titolo “Perché devi fare un video al giorno”.

Se hai un qualsiasi business o se vuoi fare business devi fare… 1 video ogni giorno. Semplice. E con questa mi sono resa conto che sono un po’ presa indietro. Non è facile metterci la faccia, dire qualcosa di interessante in pochi minuti in modo tale da permettere a chi vedrà quel video di immedesimarsi in ciò che dici.

Si, perché fin quando si tratta di pubblicare qualche foto o infografica, non ci sono grossi problemi. Molte volte anche immagini di bassa qualità ma coinvolgenti riescono a diventare virali. E la cosa assurda è che per molte realtà aziendali c’è ancora il problema di mettere delle immagini fatte bene nella pagina Chi Siamo del sito!

Se cerchi un servizio per migliorare l’immagine online del tuo business, ho quello che fa per te >

Ma quando si tratta di creare un percorso di video marketing completo, il discorso cambia. I video devono essere di buona qualità e soprattutto devono essere originali.

Snapchat come abbiamo visto in questo articolo, sta spingendo ancora di più questo concetto (mi segui su Snapchat? Aggiungimi > martina_denardi). Grazie al social possiamo pubblicare video molto semplici di 10 secondi lavorando con filtri, emoticons e avatar originali, sentendoci più sicuri e più liberi nel raccontare qualcosa che riguarda la nostra vita.

Per quanto mi riguarda su questo ci devo lavorare molto, perché in fondo sarà davvero il futuro dato che le nuove generazioni sono visive, abituate a contenuti multimediali piuttosto che testuali.

Ragioniamoci su questo.

Come conquisterà il mondo il video marketing?

I numeri parlano chiaro: hai già visto l’immagine del grafico che ho inserito poco fa legata a Snapchat e alla rivoluzione che sta creando. Si, perché quando inizi ad usarlo come si deve e a seguire le persone giuste, ti assicuro che non saprai più staccarti da quell’applicazione!

Inoltre lo scorso anno i video online hanno rappresentato 64% del traffico su internet e si tratta di un dato che è destinato a crescere al 69% nel 2017 e al 79% nel 2018 (fonte >business2community).

Se una volta internet era qualcosa di statico, poco interattivo e lento, al giorno d’oggi si muove alla velocità della luce e il modo migliore per avvicinare le persone le une alle altre è mostrarle in carne e ossa.

I video sono il futuro!

Altro dato interessante è il fatto che oltre il 70% dei marketers conferma che i video hanno tassi di conversione molto più elevati di tanti altri contenuti. Prendiamolo seriamente in considerazione.

the rise of video marketing

Ma se un’azienda oggi decide di lavorare di video marketing, cosa deve fare?

  1. Partire da una programmazione concreta, senza andare allo sbaraglio sperando in qualche risultato celestiale. Qual è il budget che vuoi dedicare a questo progetto? Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere? Quale storia hai deciso di raccontare? Pianifica SEMPRE prima di fare qualcosa online.
  2. Definito il progetto avrai un calendario completo di video da produrre e potrai ottimizzare costi e tempi sia per la produzione sia per la promozione. Potrai infatti anticipare al pubblico ogni video e stimolare la curiosità in chi ti segue.
  3. Struttura bene il tutto: quanto lunghi devono essere i video? Ricorda che i contenuti smart sono quelli più apprezzati e condivisi. Un video molto lungo richiede molto tempo per essere visto e oggi di tempo a disposizione le persone ne hanno troppo poco. Parti dal conoscere perfettamente il tuo Buyer Persona, e da lì definisci contenuto e durata.
  4. Sfrutta i canali social per la promozione: Facebook ha senz’altra un impatto enorme ed è più efficace a livello di engagement e conversione. Ma non dimenticare lo sviluppo di Snapchat e la novità Stories di Instagram!
  5. Ottimizza le landing page chiave del tuo sito inserendo i video in maniera strategica: aumenta le views sul singolo video partendo dal traffico che già generi sul sito web. Non dimenticare mai le Call To Action finali!

Personalmente non faccio video dalla mattina alla sera, ma si tratta pur sempre di contenuti da creare che per alcuni richiedono più lavoro, per altri meno sbattimento rispetto magari ad un post sul blog. A seconda delle possibilità, dei budget e degli obiettivi, ogni realtà aziendale può identificare le soluzioni più efficaci di video marketing.

Ciò che conta e che il marketing online mi ha insegnato, è il programmare al meglio ogni singola mossa, facendo tutto con un po’ di sale in zucca e senza andare a caso.

Per il momento opero con grande dedizione su Snapchat, cercando di coinvolgere senza annoiare coloro che hanno deciso di seguirmi…. ci sei anche tu fra questi? Aggiungimi adesso > martina_denardi

Hai qualche altro suggerimento o commento legato alla tua esperienza nel settore del video marketing? Fatti avanti allora attraverso un commento qui sotto!

E se ti è piaciuto l’articolo non dimenticarti di condividerlo e di iscriverti alla mia newsletter per ricevere subito un ebook gratuito su come far decollare il tuo business online!!

Google+ Comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *