Facebook at work

Facebook at Work vs Linkedin e Google: vantaggi e svantaggi

Oggi avrei dovuto pubblicare un articolo sui Gruppi di LinkedIn, ma sono 2 giorni che la mia attenzione viene deviata verso un argomento piuttosto strano. Hai presente Facebook? Ma si, quel caro vecchio social network di colore blu, usato da un miliardo di persone nel mondo, la maggior parte delle volte per “cazzeggiare” (e scusate il termine) pubblicando selfie, video imbarazzanti, status controversi…? Si dai, quella piattaforma che molte persone paragonano a internet intero!

Hai presente no?

Beh, preparati all’ingresso sul mercato del Facebook professionale: Facebook at Work. Altro che LinkedIn! Una novità assoluta questa, che vuole sbaragliare a tutti i costi la concorrenza.

Di cosa si tratta?

A Londra stanno sviluppando una nuovissima e rivoluzionaria piattaforma che permetterà a tutti di entrare in contatto con colleghi di lavoro, professionisti e collaboratori. Si potranno facilmente condividere contenuti e file e addirittura crearne di nuovi in men che non si dica.

Non ti ricorda qualcosa? LinkedIn, Google Drive, Microsoft Office?

Ebbene si, Facebook vuole diventare il padrone supremo del mondo, e lo fa un passo alla volta. Ciò che contraddistinguerà questa nuova piattaforma sarà la semplicità senza dubbio, in quanto non sarà molto diversa da Facebook come lo conosciamo oggi. Inoltre, per accedervi basterà un semplice cambio di link e password. 

Vantaggi e svantaggi di tutto ciò?

Io partirei con i vantaggi.

  • Secondo me in Italia farebbe un successone. Considerando il fatto che ci sono ancora troppe persone che LInkedin non sanno usarlo e non riescono a capire come sfruttarlo per il loro business, avere una piattaforma Facebook che funziona come LinkedIn beh, sarebbe un sogno! Non servirebbe capire da zero come funziona.
  • Dato che molte volte Facebook viene praticamente associato a Internet, avere una piattaforma dove trovare contatti professionali o condividere documenti in modo facile e veloce, sarebbe splendido!
  • Probabilmente con questa nuova piattaforma Facebook riuscirebbe a conquistare una buona fetta di mercato a Google e LinkedIn. 

E per quanto riguarda gli svantaggi?

  • Per Linkedin e Google sarebbe un colpo al cuore, me li vedo già tutti preoccupati pregando che gli utenti rimangano a loro fedeli.
  • Linkedin è nato come piattaforma professionale, ha un suo modo di essere, una sua ragione di esistere ed è pensato ad hoc per i professionisti e le aziende. Anche se Facebook sarà completamente separato da Facebook at Work, non credo che la maggior parte delle persone migrerà verso quest’ultima eliminando LinkedIn dalla loro vita.
  • Google Drive è lo strumento più efficace e completo per condividere contenuti e file. E’ un’applicazione completa, collegata al nostro profilo Gmail e a tutte le altre di Google. Personalmente non credo che la abbandonerei per usare quella di Facebook at Work, ci ho fatto troppo l’abitudine.
  • Sono troppi i social che vagano su questo mondo! Caspita, ne salta fuori uno al mese. Sinceramente, va bene studiarli e capirli, ma dato che Chi troppo vuole nulla stringe è meglio selezionare da subito su quali social ci si vuole concentrare, che tu sia un privato in cerca di lavoro o un imprenditore che vuole far crescere la propria attività.

Diciamo che lo svantaggio principale del nuovo Facebook sarebbe secondo me legato alle abitudini delle persone, non di tutte certo, ma di quelle che usano quotidianamente LinkedIn e Google Drive. E in secondo luogo al fatto che i social network sono davvero tanti in circolazione, avere un profilo per tutti va bene, ma poi devi selezionare quelli che ritieni più adatti per far sentire la tua voce. No?

E tu cosa ne pensi? Ah, Facebook at Work lo vedremo attivo il prossimo anno, non prima. Per cui, datti da fare e studia come funziona LInkedin prima di pensare ad una piattaforma nuova, tu che dici?

Iscriviti subito alla mia newsletter per ricevere un regalo davvero speciale nella tua casella di posta! In più ogni settimana una email ricca di contenuti utili per far crescere il tuo brand online. Oppure puoi condividere o lasciare un commento all’articolo, a te la scelta! 🙂

Google+ Comments

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] l’articolo che mi è piaciuto di più e che mi ha dato modo di pensare è stato quello di Martina De Nardi, in cui analizza vantaggi e svantaggi del nuovo social […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *