Libro di ricette per un blog di successo

La ricetta perfetta per creare un blog di successo

Decidere di aprire un blog vuol dire mettere in campo forza di volontà, competenza, esperienza, curiosità e capacità di scrittura. In particolare, quando scrivi un articolo per un blog non è come scrivere una lettera di ringraziamento o un articolo di giornale, è totalmente diverso. E come ogni scrittura che si rispetti ha delle regole precise che devono essere rispettate. Non puoi improvvisare e scrivere a caso.

Nella mia piccola esperienza di blogger sto imparando quanto sia fondamentale scrivere nel modo corretto, avere un titolo che attiri l’attenzione ed essere in grado di far si che sia tutto indicizzato per i motori di ricerca.

Pensate sia facile? No, per niente. Però adoro condividere quello che imparo, ecco perchè ho deciso di scrivere questo post elencando cinque dritte interessanti e utili per scrivere un articolo per un blog di successo.

Partiamo dal presupposto che: quando si vuole scrivere un articolo per un blog è un po’ come cucinare un piatto con cui abbiamo più o meno confidenza, ma con la ricetta giusta e un po’ di fantasia, il successo per i nostri ospiti (motori di ricerca e lettori) sarà assicurato!

#1 Cosa vuoi cucinare oggi?

Nel momento in cui apri un blog, devi avere in mente in modo chiaro quale sarà il tuo settore di competenza e gli obiettivi che vuoi raggiungere. Ogni articolo che scriverai sarà relativo ad uno specifico argomento interessante per te ma soprattutto per i tuoi lettori.

Prima di partire quindi, scegli l’ingrediente principale.

WordPress SEO mi ha insegnato una cosa importante: ogni post gira intorno ad una parola chiave di riferimento. Per esempio in questo caso sto ruotando attorno alla frase Creare un blog di successo, sto descrivendo quali sono le regole da seguire per avere un ottimo blog e dunque, per scrivere un articolo creato ad hoc per un blog personale e perchè no anche aziendale.

Devi sapere su cosa scrivi, qual’è l’argomento di riferimento, e fidati che più esso è circoscritto e preciso, meglio è. Se vuoi cucinare un primo ben venga, ma devi sapere se stai facendo una pasta o gli gnocchi.

Ah, un’altra cosa: sfrutta Google KeyworPlanner per trovare quelle parole chiave più cercate dagli utenti e con meno concorrenza. Tramite questo tool potrai venire incontro a coloro che cercano una specifica risposta ad un loro quesito e che potrebbero trovare proprio te.

#2 Metti insieme tutti gli ingredienti.

Per ogni piatto, devi usare la quantità di ingredienti giusta per rendere la tua pietanza deliziosa. Se cucini 500 gr di pasta non puoi preparare solo qualche cucchiaio di sugo. Hai bisogno della ciccia e nel caso del post, di tante parole. Quante? La giusta quantità in base al tipo di articolo.

Ogni post dovrebbe indicativamente contenere tra le 400 e le 500 parole almeno, suddivise in più paragrafi.

In realtà un post potrebbe essere lungo anche 1000 parole, tutto sta nella nostra capacità di renderlo leggibile, scorrevole, interessante e accattivante sia nei contenuti, sia nella formattazione finale.

A tal proposito vi riporto un articolo interessante di Valentina Falcinelli (Penna Montata) proprio su questo argomento, dove attraverso esempi concreti di long copy advertising ci fa capire che anche un testo lunghissimo può essere un ottimo strumento pubblicitario.

L’articolo è Del Long copy advertising e della dimenticata arte.

#3 Aggiungi un pizzico di sale.

Mentre scrivi ricordati di distribuire correttamente le parole chiave all’interno del testo senza esagerare. Questo forse è il più importante passo da seguire. Se metti troppo sale rischi di subire penalizzazioni da parte dei motori di ricerca ed è ciò che devi in tutti i modi evitare.

E’ esattamente lo stesso principio del troppo sale nell’acqua della pasta per esempio: succede che questa diventa davvero immangiabile oltre che estremamente dannosa per la salute.

Ecco un’infografica di Keyword density che potrebbe essere assai utile:

Esempio di pagina ottimizzata SEO

 

#4 Ricordati che prima si mangia con gli occhi, poi con la bocca.

Una presentazione del piatto fatta con amore e una vista davvero invitante stupirà e farà subito venire l’acquolina in bocca ai tuoi ospiti.

Nel caso del blog gli ospiti sono sia i motori di ricerca sia gli utenti; ai primi devi dar modo di gustarsi gli occhi ottimizzando le immagini che non devono essere troppo pesanti, spiegandogli con facilità che cosa stanno guardando (visto che loro gli occhi non li hanno) utilizzando il tag ALT e inserendo un titolo corretto e chiaro.

Per i lettori invece, dotati di occhi ovviamente, si aspettano di vedere un piatto ben presentato, bello colorato e super invitante. Ecco perchè un’immagine in evidenza attrattiva e carina è un altro punto di vantaggio per invogliare gli utenti a leggere l’articolo.

#5 Fai assaporare il tuo piatto delizioso.

E’ fondamentale che tu non lavori solo per i motori di ricerca perchè alla fine conta di più la condivisione e l’apprezzamento da parte dei lettori dall’altra parte del pc. Usa un linguaggio semplice, che possano comprendere tutti, snello e simpatico. Dai un nome al tuo articolo che sia accattivante e che lo inviti ad assaggiare il tutto. Fagli assaporare i gusti e le bontà che hai da offrire su un piatto d’argento (la grafica del tuo blog).

Insomma, rendi il tutto semplicemente delizioso in modo che di te se ne possa parlare bene con chiunque.

Ecco i miei 5 consigli che è importante seguire per scrivere un articolo di qualità per un blog di successo.

Non puoi puntare a soddisfare solo i motori di ricerca, siamo pur sempre nell’era del web 3.0, punta invece a soddisfare le richieste e le aspettative degli utenti finali, avendo però cura di dar modo allo spider di poter assaggiare in ogni momento un pezzettino della tua squisitezza.

Si capisce tanto che ho scritto questo post verso l’ora di pranzo? 😀

Ditemi la vostra e cosa aggiungereste alla lista…. come sempre, alla prossima 🙂

Google+ Comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *