foto profilo di Linkedin

Le 10 peggiori foto profilo su Linkedin: qual è la tua?

Credo che la foto profilo di Linkedin sia uno degli argomenti più spinosi e meno considerati. Sono davvero poche le volte in cui trovo una foto profilo corretta, fatta bene e curata come dovrebbe essere. Molto spesso le foto che si scelgono non sono adeguate per la tipologia di piattaforma e risultano esagerate rispetto a quelli che sono gli obiettivi da raggiungere.

Per questo, ho deciso di scrivere un articolo intero su questo argomento, sperando che chiunque lo legga possa imparare qualche lezione importante, e togliere una volta per tutte quella foto con il gatto o con la faccia da “pindol” (come si dice dalle mie parti) che hanno in molti.


Ormai lo sai, Linkedin è uno strumento eccezionale quando si tratta di fare lead marketing, te l’ho spiegato nello scorso articolo, tra l’altro. Ma è importante capire come presentarsi al meglio fin dalla prima impressione, e su Linkedin è semplice, basta trovare la foto profilo giusta.

Qual è stato il piano operativo della mia indagine?

Vedendo ogni giorno molti profili diversi, ho identificato 10 differenti tipologie di profili professionali. Per non fare un torto a nessuno ho spulciato vecchie e recenti foto mie da Facebook e le ho raccolte in questa lista, per farti capire quale tipologia devi evitare se vuoi avere un buon profilo su Linkedin.

In quale di queste ti identifichi?

Partiamo da più comune: il pixellato.

martina-nel-deserto
Si tratta delle foto profilo più viste su Linkedin, quelle foto super sgranate, poco chiare, poco riconoscibili. E’ importante usare un’immagine che sia in alta definizione, evitando quindi le foto troppo piccole e piuttosto scure, perché non permettono di vedere fin da subito i lineamenti del viso.

In questo caso, come vedi c’è una bella luce soffusa sullo sfondo, un tramonto sul deserto davvero mozzafiato, ma seppur l’ambientazione sia così suggestiva, la luce non permette di illuminare correttamente il viso, e questo reca un punto di grande svantaggio alla tua prima impressione.

Si, perché su Linkedin conta molto anche quella.

Ricorda quindi di usare una buona fotocamera sempre, e se non ce l’hai, cerca di usare uno smartphone valido in grado di fare foto in alta risoluzione.

In seconda posizione abbiamo: il festaiolo.

martina-mentre-beve
Posso capire che fai un lavoro duro e che ti piace divertirti nei fine settimana, ma cerca di evitare di mettere la foto che hai fatto all’ultimo party a cui sei stato.

Tutto quello che sta al di fuori del tuo contesto lavorativo può mandare un messaggio sbagliato a chi vede per la prima volta la tua immagine, e non è questo il risultato che vuoi ottenere, giusto?

Purtroppo ne vedo davvero molti che mettono una foto compresa di bicchiere d’alcol in mano, attorniati da amici ubriachi (anche se vengono tagliati nella foto profilo).

Linkedin è una piattaforma professionale: evita di portare il tuo tempo libero in questo social network, c’è Facebook per queste cose, anche se ti consiglio di renderle private o a visibilità limitata.

Ma questo è un altro discorso, cerchiamo di concentrarci su Linkedin, che è meglio 🙂

Il bronzo va a: l’eterno giovane

martina-a-parigi
C’è chi adora lasciare la foto del suo matrimonio, chi preferisce mettere l’immagine di quando aveva ancora vent’anni.

Tenere aggiornata la propria immagine con una che identifica la tua figura professionale attuale, ti garantisce maggior credibilità.

Prova a pensare: un nuovo potenziale cliente ti contatta perché ritiene il tuo profilo degno di nota, avete occasione anche di incontrarvi al di fuori del parco internet, e al posto di quel bel ragazzo della foto si ritrova con una persona totalmente cambiata, più matura, più seriosa, molto più vecchia di come appare in foto.

Credi di fare una bella impressione?

Punta sempre sulla qualità del tuo personal branding, che chiede una valida credibilità di quello che sei e che stai facendo a livello professionale.

In quarta posizione abbiamo: il romantico

martina-mentre-bacia
Devi essere valutato come un vero professionista, non ha senso mettere una foto con tanti baci o con un abbigliamento adatto per una scampagnata in campagna la domenica.

Lo stesso vale per quelle immagini prese dalla tua ultima vacanza al mare, dove ci sei tu che cammini spensierato lungo la spiaggia alle sei del mattino.

Le foto romantiche e dolci vanno bene per i siti di appuntamenti, no di certo per Linkedin.

Se puoi, evitale.

Il più inutile di tutti: l’amante degli animali

martina-con-cane
Io capisco che adori il tuo cane (no, non è il mio quello in foto), il tuo gatto, il tuo canarino, il tuo serpente o il tuo coniglio, ma ti assicuro che non serve che lo fai sapere al popolo di Linkedin.

Chi non ama gli animali?

Non credo che la gente abbia bisogno di sapere che vuoi bene al tuo Fuffy.

A meno che tu non sia un veterinario, lascia a nanna il tuo amichetto e cerca di fare una foto degna di te, senza altri dolci esserini in braccio o sulla spalla.

Il più originale: il fumetto

martina-con-fumetto
Questo non l’ho visto molte volte, ma il fatto che lo abbia trovato, mi preoccupa molto. Qualcuno sa spiegarmi il senso?

Ho trovato immagini di rane realizzate al computer, avatar di misteriosi personaggi dei fumetti, o, ancora peggio (e molto più spesso), il logo aziendale.

Ma se il profilo personale rappresenta te, che problema hai a mostrarti al mondo?

Se si tratta di privacy non ha neanche senso che tu decida di aprire un account su un qualsiasi social network.

La privacy viene rispettata nel momento in cui sei in grado di gestirla. Linkedin è stato pensato per connettere tra loro professionisti di tutto il mondo, ma se gli altri non hanno modo di vedere chiaramente chi sei, come possono chiederti di conoscerli?

Il migliore è senza dubbio: il simpaticone

martina-fa-linguacce
Quello dalle facce buffe, dalla bocca arricciata, dall’occhiolino chiuso o dalla risata esagerata.

Il sorriso va benissimo, purché sia discreto e lineare.

Ti ricordo che non sei su Facebook, ma all’interno di una piattaforma adibita ad uso professionale: mostrare la parte più simpatica di te non aiuterà di certo un potenziale cliente a richiederti il collegamento.

Evita anche le foto simpatiche con altri amici vicino a te, altrimenti uno come fa a capire quale sei dei due?

I due più strani: il timido e il ravvicinato

martina-timida         margina-ravvicinata

Li metto insieme perché sono piuttosto simili, si tratta di quelle foto di persone che fanno vedere solo un lembo di pelle del loro viso, perché hanno paura di sciuparsi forse, o magari pensano che così facendo aumentano la suspance.

Non ne ho idea, il fatto è che mi sembra una scelta inutile.

Bellissimi i tuoi occhi, bellissima pure la tua bocca, ma alla fine non è che mi aiuti a capire chi sei così, vorrei vederti per intero o comunque metà busto, se possibile.

Altro caso da manicomio: il figo

martina-figa
Dai su, questa si che è una foto da Facebook (infatti era la foto del mio profilo), ma su Linkedin non ti serve una foto di questo tipo, mica devi rimorchiare qualcuno!

L’obiettivo è instaurare delle valide relazioni di business, e il modo più efficace è partire dall’immagine del profilo che vuoi utilizzare, la quale deve trasmetter sensazioni positive e professionali sotto ogni punto di vista, dalla qualità della foto, alla tipologia dell’immagine.

Cornice sito

Infine, la foto perfetta:

Schermata 2015-08-26 alle 14.46.25

Ebbene si, non è di certo la mia attuale, (clicca qui per vedere il mio profilo) lo sfondo non va bene e ormai è da modificare totalmente, sia per quanto riguarda la luce, sia per quanto riguarda l’abbigliamento.

Come vedi invece in questo caso, l’immagine è in alta definizione, la persona viene ripresa fino a metà busto, il sorriso non è esagerato, la luce è del tutto naturale, i capelli sono in ordine.

Guardando questa foto, daresti fiducia ad una persona del genere?

Io senza dubbio, perché in modo semplice ma molto efficace comunica calma, professionalità, sicurezza e positività.

Questo va a dimostrare che in realtà l’abito fa il monaco, soprattutto a livello professionale. Una raccomandazione ben scritta da parte di una figura illustre, dà molto più valore di 3mila collegamenti che non servono a nulla.

Un’immagine ben curata, dà 10 volte più valore ad un profilo piuttosto che ad un altro. E in generale, avere una foto profilo aumenta la visibilità dello stesso di 11 volte in più (fonte).

Ovviamente, le foto profilo è solo la punta dell’iceberg, devi poi pensare ad ottimizzarlo in tutte le sue parti, dalla headline al riepilogo, come ti ho spiegato in questo articolo.

Siamo arrivati alla conclusione, adesso devi dirmi tu in quale di questi dieci profili ti ritrovi, perché sai che hai una foto profilo su Linkedin di questo tipo, e hai forse finalmente capito che è arrivato il momento di cambiarla.

Lasciami il tuo commento qui sotto, e se sei interessato a migliorare la tua immagine online, scopri il progetto Digital Impact – Esprimi online! oppure iscriviti e alla Newsletter e ricevi un ebook gratuito su come far decollare il tuo business online!

Google+ Comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *