Linkedin Ads come usarli

Linkedin Ads: qualche consiglio prezioso per il loro utilizzo

Ci vorrebbe un punto di domanda accanto al titolo di questo articolo, davvero, e non perchè qui puoi trovare le risposte, ma perchè spero che qualcuno possa darmele.

Nell’ultima settimana ho cercato di capirci di più su tutto ciò che riguarda il mondo di Linkedin Ads. Gli annunci sponsorizzati dovrebbero essere uno strumento a disposizione delle aziende per aumentare il numero di followers sulla pagina, e ovviamente ottenere nuovi clienti.

Ma non sono soddisfatta delle informazioni ottenute, meno che meno ho intenzione di spendere migliaia di euro per valutare concretamente se vale la pena spendere tutti quei soldi per gli annunci sponsorizzati. Magari tra voi c’è chi invece li ha spesi, e può darci una risposta sensata.

Questo non mette in discussione la mia passione per questo social network dalle potenzialità enormi, perchè a livello professionale è il più specifico e valido che esista. I miei clienti non arrivano da Facebook, ne tanto meno da Google plus, arrivano quasi tutti da Linkedin (il resto dal mio sito).

Di fatto mi sono accorta che più operazioni compi all’interno del portale  per farti conoscere e aumentare la tua credibilità, più i risultati arrivano da soli.

Ma un’azienda che vuole investire su Linkedin, come deve fare?

Bella domanda, diciamo che in questo post voglio raccontarvi un po’ quello che ho capito io finora, anche se non è molto.

Di fatto è possibile attivare una campagna Linkedin Ads cliccando su Business Service e poi su Advertise, nella barra in alto del menu. Reinserendo la password si accede alla sezione Advertising, dove è possibile pubblicare e monitorare i propri annunci.

A prima vista secondo me si presenta come Facebook Ads, abbastanza intuitivo e semplice, puoi scegliere tra due tipologie di Annunci sponsorizzati:

Linkedin annunci sponsorizzati

 

Nel primo caso puoi sponsorizzare la pagina aziendale di Linkedin, mentre nel secondo caso puoi pubblicizzare un aggiornamento della tua pagina. 

Come scrivere un annuncio efficace?

  • Scegli il messaggio giusto che sia diretto verso il target di riferimento. Hai pochi caratteri a disposizione e devi riuscire a coinvolgere in modo efficace gli utenti che rientrano nel tuo target.
  • Fai attenzione alle parole chiave che utilizzi mettendoti nei panni dei tuoi destinatari, parlando la loro stessa lingua.
  • Includi CTA che invitino all’azione, questo consiglio è validissimo anche per gli annunci su Facebook. Ricorda sempre che l’utente su internet è pigro, devi dirgli cosa fare. Ti allego un articolo di 4writing molto interessante proprio sulle Call To Action: come si fa e in che modo si posiziona nel tuo copy.
  • Puoi inserire pure un’immagine, anche se molto piccola, 50 x 50 px, devi cercare di sfruttare quel poco spazio a disposizione per inserire una foto che sia pertinente con ciò che stai offrendo.

Esempi di annunci fatti bene?

Come puoi vedere, nel primo caso il titolo descrive chiaramente quello che offre l’annuncio e soprattutto indica a chi sta parlando. Invita all’azione con un “richiedi un preventivo” ed ha un’immagine efficace e d’effetto.

Nel secondo caso il titolo è molto generico e la descrizione altrettanto semplice e non riferita ad alcun target specifico. Per non parlare della punteggiatura!!

Ok, ho scelto l’annuncio, e adesso?

Prosegui nel tuo cammino e attiva la campagna promozionale. Per quanto riguarda i costi puoi scegliere tra un PPC (pay per click) ovvero paghi ogni volta che un utente clicca sull’annuncio, oppure un CPM (pay per impression) per cui paghi in base al numero di volte che viene visualizzato l’annuncio.

Considera che puoi impostare un budget massimo giornaliero, e che l’offerta minima da proporre è di 2,00 €. Fai un po’ i conti su quanto ti può costare.

Nel momento in cui hai attivato la campagna, puoi monitorarla verificandone l’andamento e il famoso CTR ovvero i click sul tuo annuncio, il cui valore non deve essere inferiore allo 0,025%. 

L’ideale sarebbe quello di monitorare costantemente la campagna e modificare gli annunci per valutare l’andamento del CTR, fai più test diversi, provando nuovi titoli e testi per la campagna. E monitora il ROI, ovvero il rendimento della campagna stessa.

Ho trovato un esempio pratico che ho trovato interessante, che ci aiuta a capire quanto possano essere efficaci le campagne promozionali su Linkedin.

Massimo è il vicepresidente di marketing presso un’azienda di software per contabilità. 

Qual è il suo obiettivo? 

Che i vicepresidenti del dipartimento di finanza presso medie imprese completino il modulo “Contattaci” sul suo sito Web. Il suo team di vendite contatterà questi potenziali clienti. In generale, 1 potenziale cliente su 10 diventa un vero cliente. Un nuovo cliente vale per Massimo 600 USD, quindi spenderà fino a 60 USD per ogni potenziale cliente.

Obiettivo pubblicitario: 60 USD per potenziale cliente
Durata della campagna: 30 giorni
Budget della campagna: USD 1.000

Alla fine della campagna, Massimo osserva i risultati dalla scheda La mia campagna pubblicitaria in LinkedIn Ads:

Clic: 400
Costo per clic (CPC) medio: USD 2.50
Spesa totale: USD 1.000

Utilizzando i suoi report di analisi Web, Massimo può vedere:

I clic: 400 (numero di visite che derivano dai suoi annunci pubblicitari su LinkedIn)
I potenziali clienti: 40 conversioni (numero di visitatori che hanno completato il modulo “Contattaci” dopo aver cliccato su un annuncio pubblicitario)
Il tasso di conversione: 10% (percentuale di visitatori che diventano potenziali clienti)

Per valutare il ROI, Massimo confronta la spesa con i risultati:

Costo totale: USD 1.000
Costo per potenziale candidato: USD 25

Profitto: USD 2.400
Nuovi clienti: 4 (10% dei potenziali clienti si sono trasformati in clienti dopo essere stati contattati dal suo team di vendite)

Conclusione: Massimo ha pagato USD 1.000 per ricevere 400 clic che si sono tradotti in 4 nuovi clienti. Questo corrisponde a USD 2.400 per la sua azienda. Un ROI del 140%!

Ma se tutto è così rose e fiori, perchè non sei contenta Marti di Linkedin Ads?

Perché in realtà c’è molto di più, dato che questa possibilità è la formula Self Service di tutto quello che invece Linkedin può offrire.

Rimane il fatto che ciò che sono riuscita a capire finora sulle pagine Linkedin, è che si tratta del modo attraverso cui le aziende possono effettivamente parlare sulla piattaforma. Possono pubblicare aggiornamenti aziendali, possono proporre i loro servizi come aziende e non come figure personali, possono monitorare l’andamento di ogni singolo post e cercare di aumentare i followers nei modi che abbiamo visto in questo articolo.

Nel momento in cui l’azienda decide di investire in modo serio su Linkedin, può assolutamente farlo, attivando per esempio la sezione Careers, una tab molto interessante che richiede un certo tipo di budget e obiettivi di business.

La guida Linkedin scrive così:

The Careers Tab is a way for companies to interact with millions of passive and active job seekers on LinkedIn. The Careers tab requires a paid subscription by the company.

Ma le informazioni chiave sono in questa frase:

Upgrading to a Silver or Gold Career Page gives you access to a full suite of features for promoting careers at your company, including a clickable banner, customizable modules, analytics on who is viewing the page, direct links to recruiters, video content, and more.

With a Gold Career Page, you can customize up to five different versions of the page to show different content based on the viewer’s LinkedIn profile.

The Career Page URL cannot be customized, but it is auto-generated to include your company name.

 

Se sei membro Gold puoi avere accesso a cinque differenti versioni di pagine Carriere e pubblicare contenuti diversi sulla base del tipo di target a cui ti rivolgi.

Ma per attivarla, devi contattare Linkedin e ovviamente, pagare. E non poco.

In conclusione..

Non sono rimasta molto contenta di quello che sono riuscita a reperire come informazioni sui Linkedin Ads.

Non mi hanno soddisfatto e non ne ho ancora capito il potenziale.

Se tu che stai leggendo hai avuto già modo di fare campagne promozionali di successo su Linkedin, lascia il tuo commento e racconta la tua esperienza, oppure contattami così ne parliamo insieme 🙂 Ti va?

Ah si, ovviamente non dimenticarti di iscriverti alla mia newsletter, ogni settimana una email con le ultime dal blog e tanti consigli utili per te e la tua attività!

Google+ Comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *