come funziona linkedin ads

LinkedIn Ads: Come Funziona e quali sono i vantaggi

In questo articolo scopriamo come funziona LinkedIn Ads, di cosa si tratta, come attivare il Campaign Manager e quali sono i vantaggi nell’utilizzarlo!

La prima cosa da sapere è che LinkedIn Ads è solo una delle soluzioni premium messe a disposizione da LinkedIn. Se già utilizzi questo social a livello professionale, ti sarai accorto che LinkedIn ti permette di attivare la funzionalità premium per il tuo profilo personale, a seconda dei tuoi obiettivi: carriera, business, vendite, assunzioni.

Ma se fosse l’azienda a volersi promuovere, come si procede?

LinkedIn possiede una suite completa di prodotti aziendali inerenti le tre macro aree principali, ossia Recruiter, Sales Navigator e Marketing.

Recruiter è la piattaforma che permette alle aziende di trovare i migliori talenti presenti all’interno di LinkedIn per le posizioni lavorative aperte. Sales Navigator, invece, è la piattaforma perfetta per l’area commerciale, in quanto permette di avere accesso illimitato ai dati ed alle informazioni sui profili LinkedIn dei prospects.

Ovviamente ci sarebbero moltissime cose da dire su queste due soluzioni, ma quello su cui voglio concentrarmi oggi è la soluzione Marketing che LinkedIn propone alle aziende, ossia LinkedIn Ads.

La prima cosa da fare per lavorare con LinkedIn Ads è aprire una pagina aziendale su LinkedIn, inserendo tutte le informazioni importanti relative all’azienda. La pagina aziendale è il biglietto da visita del brand su LinkedIn ed è fondamentale che ci sia, perché potrai così pubblicare gli aggiornamenti e le news aziendali a nome del brand.

Inoltre, per avviare alcune campagne su LinkedIn Ads avrai bisogno di farlo attraverso la pagina aziendale, come ti consiglia LinkedIn stesso quando apri il tuo account pubblicitario:

Come funziona linkedin ads

Una volta che hai attivato l’account pubblicitario puoi installare nel tuo sito web l’Insight Tag, un codice Javascript specifico del tuo account che ti permette di monitorare e fare retargeting sugli utenti LinkedIn che visitano le pagine del tuo sito web.

A questo punto sei pronto per iniziare ad avviare le prime campagne pubblicitarie!

La nuova interfaccia di LinkedIn Ads ha reso tutto molto più rapido e intuitivo. Adesso, infatti, se vuoi avviare una nuova campagna pubblicitaria, non dovrai più iniziare dal formato dell’annuncio, ma dall’obiettivo!

In questo modo puoi scegliere se vuoi puntare sulla notorietà del brand, e quindi sul fare azioni che favoriscano la brand awareness, oppure se aumentare il traffico verso il tuo sito web o verso i contenuti della tua pagina aziendale su LinkedIn.

Per la sezione Conversioni è importante ricordare di attivare il Conversion Tracking nelle impostazioni dell’account. Si tratta di una funzionalità che permette di monitorare le conversioni ottenute da una specifica campagna, tramite i dati raccolti dall’Insight Tag.

Una volta che lo hai impostato puoi scegliere se vuoi raccogliere nuovi lead utilizzando le Lead Gen Form di LinkedIn, oppure sfruttare una specifica landing page del tuo sito o promuovere le offerte di lavoro della tua azienda per trovare i candidati adatti.

Per completare il primo passaggio della creazione della campagna dovrai poi selezionare il target, il formato dell’annuncio, il posizionamento, il budget e l’eventuale conversione che vuoi monitorare.

Il targeting su LinkedIn Ads

La piattaforma online dove è nato il social selling (ossia l’attività di vendita tramite i social) è proprio LinkedIn. Parliamo di un social che viene frequentato in orario di lavoro da parte di imprenditori e professionisti interessati a generare business, trovare opportunità di carriera e nuovi partner commerciali.

Il livello di attenzione degli utenti su LinkedIn è 3 volte maggiore rispetto a quello che troviamo su Facebook o su altri social. Inoltre, oltre l’80% dei lead generati dai social, per il mercato B2B arriva proprio da LinkedIn.

linkedin social lead gen
Fonte immagine: https://neilpatel.com/blog/linkedin-marketing-tips/

Quando dobbiamo selezionare il nostro target per la campagna da lanciare, LinkedIn ci permette di utilizzare dei filtri di selezione estremamente interessanti e precisi, come l’azienda, il titolo lavorativo, il settore di riferimento, il livello di anzianità e il target geografico.

Pertanto possiamo raggiungere un’audience molto precisa, che non deve essere più piccola di 10.000 utenti, ed ottenere risultati qualititativamente superiori rispetto ad altri social!

3 vantaggi unici legati all’utilizzo di LinkedIn Ads

C’è da fare una premessa prima di esporre questa parte. LinkedIn, come qualsiasi altro social, è uno strumento a disposizione degli utenti e delle aziende online. Ma essendo solo uno strumento, quello che fa la differenza è il come viene utilizzato e in quale strategia di comunicazione viene inserito.

Quando penso a LinkedIn penso alla perfetta rappresentazione delle risorse presenti all’interno di un’azienda e dell’azienda stessa. Un’organizzazione sana e stabile che si pone facilmente raggiungibile da potenziali clienti e stakeholders.

LinkedIn Ads è una parte del grande strumento LinkedIn e, dunque, il suo utilizzo va inserito in un contesto ampio, diverso caso per caso.

Vorrei dunque specificarvi quelli che sono secondo me i vantaggi che lo rendono uno strumento ottimo da conoscere e da testare al meglio per la propria attività.

1. Messaggistica InMail

I messaggi InMail sono messaggi che vengono recapitati direttamente nella posta interna di LinkedIn dell’utente target solo quando l’utente è effettivamente presente online. Questa caratteristica garantisce il 100% di consegna del messaggio all’utente potenzialmente interessato ed evita l’effetto spam.

Se, infatti, non entri sul tuo profilo LinkedIn da un po’ di tempo, ti accorgerai che nei messaggi privati nei hai pochissimi o abbastanza (dipende da quanto curi la tua rete di collegamenti) di non letti. Tutti, però, sono messaggi inviati dalla tua rete, dai tuoi contatti, e non sono messaggi sponsorizzati.

I messaggi InMail vengono recapitati in posta diretta con un tag “sponsorizzato” in alto, in modo tale da rendere la tipologia di messaggio trasparente per l’utente.

2. Alta qualità dei leads ricevuti

Un altro vantaggio che rende LinkedIn Ads interessante è dato dalla tipologia di leads che si possono raccogliere utilizzando al meglio le campagne.

Se è vero che il costo per acquisizione di un lead su LinkedIn è molto più alto rispetto al CPL su Facebook, è anche vero che il tasso di conversione da lead a cliente è molto più alto su LinkedIn rispetto ad altri canali.

Inoltre, se vuoi ottimizzare il CPL nelle tue campagne, lavora sul testare nuove varianti del tuo annuncio. Inizia con due variazioni di annuncio per ogni campagna.

Aggiorna poi gli annunci ogni 3-4 settimane per mantenere forte la spinta ai vari Ads. Metti in pausa gli Ad che performano meno in termini di CTR e lancia più variazioni dei migliori per testare varie possibilità.

3. Aggiornamento costante della piattaforma

Da qualche mese la piattaforma di LinkedIn Ads è stata rinnovata completamente per essere più intuitiva, semplice e veloce!

Per avviare una campagna non è più necessario partire dal formato dell’annuncio ma si parte dall’obiettivo che si vuole raggiungere. Il che rende tutto strategicamente più semplice!

Inoltre, il Campaign Manager si presenta a schede suddivise in Gruppo Campagna, Campagna e Annunci, come vedi dall’immagine qui sotto:

LinkedIn è in continuo aggiornamento e, pertanto, ci si aspetta che ogni passaggio e funzionalità sia sempre più gestibile e immediata di quelle precedenti!

Spero di aver fatto sufficiente chiarezza sulle soluzioni Premium di LinkedIn e su come funziona LinkedIn Ads, ovviamente! Se l’articolo ti è piaciuto condividilo con i tuoi contatti!

Ti interessa continuare ad approfondire su LinkedIn Ads? Ho quello che fa per te, un caso studio unico! Scaricalo ora cliccando qui sotto.

banner per caso studio linkedin ads

Google+ Comments

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *